newsletterNewsletter  sitemapMappa del sito  favouritesAggiungi ai preferiti 

logo cm
La Valtiberina Toscana

continua dalla pagina precedente

La Valtiberina non vive di turismo e per questo è un luogo adatto a viaggiatori dal palato fine e dall’occhio attento. Non si trovano grandi insegne che mettono in risalto un’attrazione o una struttura ricettiva. Non è una “trappola per turisti d’allevamento”, ma un luogo autentico, schietto, dove la storia e l’arte di pregevole livello si mescolano con la tradizione e dove la natura, nei campi arborati circondati dai boschi, manifesta l’orgoglio di una lotta non ancora persa. Caprioli e cinghiali ostacolano il lavoro dell’uomo e il lupo si aggira per queste montagne come quando, pochi decenni orsono, pullulavano di pecore e capre. Una natura che poi si ritrova sulla tavola, dove la gente della Valtiberina ha imparato a portare castagne, funghi, erbe selvatiche e, soprattutto, tartufi. Ecco, forse la parola “tartufo” è quella che unifica maggiormente l’immagine di questa gente e di questo territorio: prezioso e nascosto allo stesso tempo. Ma se si va oltre il sostantivo “tartufo” e si cerca di capire quali specie si trovano in Valtiberina, allora si riscopre, ancora una volta, la mutevolezza di questa terra, poiché in tutti e 7 i comuni c’è tartufo, ma le specie sono spesso diverse, così come i periodi dell’anno in cui ognuna fruttifica. Ecco quindi che si ritorna ad un turista con lo spirito del pioniere, che sappia scoprire, come fosse un tartufaio esperto, le tracce leggere che ha lasciato Michelangelo Buonarroti o quelle ben marcate di Piero della Francesca che qui è nato e ha lavorato durante il Rinascimento. Un turista che sappia apprezzare il silenzio e l’austera spiritualità che ancora pervade i piccoli monasteri lungo il percorso di San Francesco, tra Assisi e il Santuario della Verna. Un turista che apprezzi il contatto con la cultura locale e con persone spontanee, non contaminate dall’efficienza cinica del turismo di massa, ma legate alla propria terra e disposte a farla conoscere al viandante. Persone con le quali vivere una giornata di pesca sul Tevere, con cui svegliarsi all’alba per cercare tartufi o con cui inoltrarsi nella notte, in bosco, per “chiamare” il lupo e sentirsi rispondere con un ululato così profondo che potrebbe provenire dalla notte dei tempi. Vivere la Valtiberina toscana significa anche percorrere i suoi sentieri e le sue mulattiere, a piedi, a cavallo o in mountain bike, alla ricerca di una piccola chiesa di campagna o di un paesaggio di quelli che si potevano vedere 50 o 60 anni fa in molte altre parti d’Italia, ma che oggi sono ormai scomparsi.

Si può soggiornare in Valtiberina per più di una settimana senza correre il rischio di annoiarsi, alternando attività all’aria aperta a passeggiate nei borghi o a indimenticabili momenti di relax in balia del silenzio, rotto soltanto dai rumori della natura. Un altro modo per conoscerla a fondo è tornare in Valtiberina per più fine settimana, per goderne la piacevole mutevolezza stagionale e gustarne la gastronomia, ora legata alla castagna, ora al fungo, quasi sempre al tartufo o alla cacciagione. Si può venire in questa area anche solo perché è un’ottima base logistica per raggiungere Arezzo, Assisi, Gubbio, il Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi, Perugia, Ravenna, la rocca di San Leo o quella della Repubblica di San Marino, il Santuario della Verna o il monastero di Camaldoli, che si trovano a meno di un’ora di distanza dai suoi confini. Ma bisogna fare attenzione, poiché si potrebbe rimanere intrappolati dal fascino di questa terra e cambiare programma.

     Informativa privacy | Partita Iva: 00277820510

Valid XHTML 1.0 Transitional    CSS Valido!