newsletterNewsletter  sitemapMappa del sito  favouritesAggiungi ai preferiti 

logo cm
L incanto della Maniera

Manierismo o “Maniera” è la denominazione che viene attribuita all’arte fiorita tra il pieno Rinascimento ed il primo affacciarsi delle concezioni barocche, ossia, all’incirca, dal 1520 al 1600. Fu un periodo di crisi storica e religiosa in cui il sacco di Roma del 1527, l’assedio di Firenze del 1530 e l’avvento della Controriforma furono fattori che determinarono nella coscienza degli artisti un senso di disagio e scontentezza.

Nel suo primo stadio, il Manierismo rivelò una certa opposizione - in nome d’una fantasia intellettualistica - ai canoni classici della proporzione, della simmetria e della prospettiva, dell’arte rinascimentale matura. Nella seconda metà del Cinquecento, andò invece accentuando il proprio carattere celebrale e, insieme, esaltò dei valori decorativi che gli assicurarono il favore delle corti. Tra i maggiori manieristi vanno ricordati il Rosso Fiorentino, il Primaticcio,

il Pontormo, il Parmigianino, Giulio Romano, Jacopo Sansovino, Benvenuto Cellini, Giorgio Vasari, il Tintoretto, El Greco, ma colui la cui ideale azione ne costituì lo stimolo e il punto di partenza, sebbene ne trascendesse i limiti e rappresentasse lo stimolo dell’estremo Rinascimento dapprima e quindi la crisi di coscienza scaturita al Concilio di Trento, fu il grande Michelangelo.

continua..

Rosso Fiorentino Deposizione
Pontormo San Quintino

     Informativa privacy | Partita Iva: 00277820510

Valid XHTML 1.0 Transitional    CSS Valido!