newsletterNewsletter  sitemapMappa del sito  favouritesAggiungi ai preferiti 

logo cm
Raccogliere l'insalata di Campo

Le zone collinari e montane, dove il paesaggio agricolo si alterna a boschi misti di specie quercine, sono ambienti che costituiscono preziose miniere di piante selvatiche che possono servire per la nostra alimentazione. Diverse di queste piante hanno per la cucina una notevole importanza, non solo perché alcune di esse possono servire per aromatizzare le vivande migliorandone il gusto, ma anche perché ve ne sono molte che possono essere impiegate come base per preparare piatti completi, saporiti e, talvolta, raffinati. Tali piante selvatiche permettono sempre di preparare vivande con sapori schietti, genuini e certamente indenni da quelle sostanze tossiche o velenose per l’organismo umano, che ormai da tempo ci vengono propinate da un’agricoltura troppo industrializzata. Non ci resta perciò che addentrarci nei prati e negli incolti della zona per scoprire tanti fiori (dell’albero di Giuda, della robinia, del biancospino, della primula, delle viole, della borragine, del timo, del tarassaco, della cicoria) da raccogliere e utilizzare in ricette gustose e, se vogliamo, stravaganti. è il caso delle tante insalate multicolori o delle frittelle, dolci e salate, da preparare con i fiori della robinia o del sambuco, ma anche quello dei boccioli dell’albero di Giuda o del tarassaco “strascicati in padella” o “acconciati come i capperi”.

continua...

La Viola Mammola
insalata di campo

     Informativa privacy | Partita Iva: 00277820510

Valid XHTML 1.0 Transitional    CSS Valido!